di Alessandra Guglielmino, studentessa del Corso di laurea magistrale in Comunicazione scientifica biomedica, Sapienza Università di Roma Il glutine è un composto peptidico (legame chimico di proteine) contenuto in alcuni cereali quali grano o frumento, ma anche nella segale, nell’orzo e spesso nell’avena. Il grano è uno degli ingredienti più presenti nella dieta occidentale ed è una delle proteine più consumate. Una dieta priva di questa proteina é solitamente seguita da persone che presentano disturbi all’assunzione di tale proteina (anche intolleranza o allergia al grano). Escludere il glutine potrebbe avere alcuni benefici per circa 200 mila italiani che soffrono di…

Condividi

di Alice Bortolami, Laureata in Infermieristica, iscritta al CdS in Comunicazione scientifica Biomedica, Sapienza, Roma La meditazione e le sue tecniche più antiche risalgono ancor prima del II millennio a. C. come risposta pratico-filosofica al binomio dolore-esistenza posta sin dalle prime mistiche indiane. Nata come religione, la meditazione è divenuta popolare anche nel mondo occidentale verso la metà del XX secolo quale tecnica di rilassamento. Fino a qualche anno fa pensare che la meditazione potesse ricoprire anche un ruolo nei trattamenti medici era considerata una follia, mentre oggi viene dimostrato sempre di più dagli studi scientifici che i benefici non…

Condividi

di Ilenia Di Martino, laureata in Scienze Biologiche, iscritta al 1 anno del corso di laurea in Comunicazione Scientifica biomedica della Sapienza di Roma Il tumore del colon retto è al secondo posto per incidenza e causa di morte in Occidente. Sottoponendoci a test di screening, quali colonscopia ottica e virtuale, è possibile prevedere l’insorgenza del tumore. Il professore Franco Iafrate, responsabile del servizio colonscopia virtuale del Policlinico Umberto I di Roma, in questa intervista descrive i vantaggi di effettuare la colonscopia virtuale al fine di fare una reale prevenzione nel paziente. Chi ha familiarità di I grado con la…

Condividi

di Alice Bortolami, Laureata in Infermieristica, iscritta al CdS in Comunicazione scientifica Biomedica, Sapienza, Roma Il solo profumo è sufficiente a farci uscire dalle coperte, e una tazzina al momento giusto può raddrizzare una giornata iniziata male. L’OMS lo ha definito come “una componente della dieta non nutritivo”, anche se in realtà sia i chicchi che la bevanda contengono nutrienti e diverse sostanze biologicamente attive. Ricco di Vitamine B2, B3, B5 , potassio, magnesio e con un alto potere antiossidante, il caffè è una delle bevande più consumate al mondo. Si conferma anche la bevanda più amata dagli italiani, tantoché…

Condividi