Stop ai grassi trans entro il 2023. Una iniziativa concreta quella dell’Organizzazione Mondiale della Sanità volta dire basta alle diete squilibrate e le conseguenze negative sulla salute cardiovascolare. I grassi trans, infatti, che troviamo principalmente negli snack dolci e salati di produzione industriale, causano ogni anno circa cinquecentomila decessi in tutto il mondo senza alcuna distinzione. Poichè «gli acidi grassi trans aumentano i livelli di colesterolo Ldl, biomarcatore attendibile per il rischio cardiovascolare, e riducono quelli del colesterolo Hdl, che invece porta via il colesterolo cattivo dalle arterie e lo trasporta verso il fegato», bisogna trovare una sostituzione reale. TUTTO SUI GRASSI TRANS Per prima cosa bisogna distinguere dai…

Condividi

La fibrillazione atriale (FA) è l’aritmia più comune nella popolazione, in Italia ne soffrono circa 600mila persona, essa, di solito, si presenta più frequentemente negli uomini. Si dichiara con l’alterazione del ritmo cardiaco che rende il battito rapido e irregolare, può trattarsi di episodi sporadici oppure permanenti/cronici. Questa patologia rende impossibile un’efficace contrazione delle cavità atriali che si ripercuote sulla funzionalità dei ventricoli e sul flusso sanguigno. La fibrillazione atriale ha una definizione letteraria che significa contrazione rapida del cuore. Si manifesta con l’aritmia cardiaca, ossia un problema di frequenza del cuore. In condizioni normali, a riposo, il ritmo cardiaco,…

Condividi

Lo slogan della Giornata nazionale dedicata alle allergie ‘In campo per vincere l’allergia’ scenderà in campo il prossimo 5 maggio con la sua ottava edizione, indetta dalla Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (Siaaic), insieme alla Lega Calcio Serie A. Per celebrare la giornata lo scenario sarà proprio il campionato di calcio di Serie A durante la 35/ma giornata di campionato, che si giocherà da venerdì 3 a lunedì 6 maggio, in tutti gli stadi italiani. Prima dell’inizio della partita verrà esposto uno striscione con lo slogan. Un modo ben visibile per sensibilizzare su un disturbo di cui…

Condividi

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un forte incremento dell’integrazione di vitamina D. Esiste la sensazione, se non la certezza, che la carenza di vitamina D sia un fenomeno (forse indotto) molto diffuso tra la popolazione e tra le potenziali cause di tali incrementi. Ma a questo boom possono aver contribuito anche i risultati di vari studi osservazionali che correlavano bassi livelli di colecalciferolo (vitamina del gruppo D, chiamata anche Vitamina D3) a varie malattie, anche gravi, quali quelle cardiovascolari od oncologiche. Il ricorso alla vitamina D a scopo preventivo è avvenuto in vari contesti senza che, ad oggi, sia…

Condividi