di Riccardo Rocchi, CdS Comunicazione scientifica biomedica, Sapienza Università di Roma Allo sviluppo di una tecnica rivoluzionaria segue una guerra estremamente spietata per la paternità/maternità della stessa. Anche per CRISPR, ancor prima del Premio Nobel, se ne dibattevano aspramente i meriti nello sviluppo. Eric S. Lander, Direttore fondatore del Broad Institute of MIT&Harvard e protagonista del progetto “Genoma umano”, in un articolo del 2016 intitolato The Heroes of CRISPR [1] aveva ricostruito il percorso che ha portato allo sviluppo della tecnologia. Curioso come abbia eletto a progenitore non Doudna e Charpentier, bensì il biochimico cino-americano Feng Zhang dello stesso Broad Institute,…

Condividi

di Riccardo Rocchi, CdS Comunicazione scientifica biomedica, Sapienza Università di Roma Il 17 novembre 2020 è una data storica per la scienza italiana, e sicuramente verrà ricordata da molti come una di quelle giornate che restituisce fiducia nel domani. La speranza di una vita migliore per i circa 7000 pazienti talassemici in Italia, meno preoccupazioni per i 3 milioni di portatori sani. I pazienti affetti da talassemia presentano emoglobinopatie di varia entità, comportanti una ridotta o assente sintesi di emoglobina con forme anemiche conseguenti. I trattamenti standard prevedono lunghe trasfusioni trisettimanali e la terapia risolutiva consiste nel trapianto di midollo osseo…

Condividi

di Riccardo Rocchi, CdS Comunicazione scientifica biomedica, Sapienza Università di Roma La Royal Swedish Academy of Science ha assegnato il Premio Nobel per la Chimica 2020 a Jennifer A. Doudna, Università di Berkeley in California, ed Emmanuelle Charpentier, Unit for Science of Pathogens dell’istituto Max Planck di Berlino, per “Lo sviluppo di un metodo per l’editing del genoma”. La tecnologia sviluppata viene chiamata CRISPR-Cas9, più semplicemente CRISPR. Le due ricercatrici non hanno creato o inventato nulla, hanno unito i puntini e utilizzato in modo alternativo una macchina molecolare che la natura metteva a disposizione. E, come riportato nel loro celebre…

Condividi

di Ilenia Di Martino, laureata in Comunicazione scientifica biomedica, Sapienza Università di Roma Cos’è l’infertilità? “L’infertilità è una malattia caratterizzata dall’incapacità di stabilire una gravidanza clinica dopo 12 mesi di rapporti sessuali regolari e non protetti, a causa di una compromissione della capacità di una persona di riprodursi sia come individuo che con il proprio partner. In base alla storia medica, sessuale e riproduttiva, all’età e all’esito dei test diagnostici, gli interventi di fertilità possono essere avviati anche prima di un anno”. Questa la definizione riportata nel “Glossario internazionale sull’infertilità e fertilità”, pubblicato nel 2017 sulla rivista Human Reproduction. L’obiettivo…

Condividi